I Caregiver familiari denunciano l’Italia a Bruxelles, ‘basta diritti negati’

CAREGIVERCommissione petizioni riconosce procedura d’urgenza e convoca Coordinamento famiglie disabili gravi e gravissimi

Pubblicato il: 08/09/2015 13:46

La lunga battaglia del Coordinamento famiglie disabili gravi e gravissimi per ottenere il riconoscimento dei diritti dei ‘Caregiver familiari’, comincia a dare i suoi frutti: giovedì 17 settembre la Commissione Petizioni del Parlamento Europeo ascolterà le loro ragioni e la denuncia delle violazioni dei loro diritti in Italia. Alla Petizione per i diritti negati ai Caregiver Familiari italiani, presentata a Bruxelles lo scorso gennaio accompagnata da 30mila firme, è stata infatti riconosciuta la procedura d’urgenza che porterà Maria Simona Bellini e Chiara Bonanno ad esporre direttamente all’aula della Commissione le proprie richieste.

“Si tratta – spiega all’Adnkronos Simona Bellini – della petizione con più firme mai arrivata davanti alla Commissione. Siamo già a più di 39mila firme, contiamo di andare a Bruxelles con 40mila firme”.

“E’ un privilegio concesso a pochissime petizioni – aggiunge Bellini – e se siamo arrivati a questo risultato è stato anche per merito di coloro che hanno fatto di tutto per raccogliere firme e coinvolgere altre persone in questa battaglia di civiltà. Se l’Italia, con mille scuse ma per interessi economici di pochi, continua a ‘snobbarci’, l’Europa ci offre la massima attenzione. Questa è una grande vittoria per tutti noi caregiver familiari”.

La petizione, che chiede il riconoscimento delle tutele previdenziali e giuridiche di chi assiste, in modo costante e continuativo, un familiare con disabilità, è stata presentata alla Comunità europea dopo che, nell’ottobre scorso, il Tribunale del Lavoro di Roma aveva respinto, per “vizio di forma”, il ricorso dei caregiver familiari, che denunciavano, tra l’altro, l’incostituzionalità di questa lacuna legislativa nel nostro paese, unico in Europa.

Da qui, di fronte “all’assordante silenzio della politica italiana”, la decisione di bussare alle porte del Parlamento europeo, per chiedere un intervento “nei confronti dello Stato italiano, per far si che anche per i Family caregiver italiani vengano rispettate politiche sociali di sostegno adeguate all’intensità del lavoro di cura cui sono sottoposti” e che “il Parlamento europeo approfondisca l’aspetto che vede lo Stato italiano stanziare fondi ingenti per gli Istituti di ricovero per persone con disabilità e di contro riservare somme minime e residuali al sostegno delle stesse persone a casa propria”: questioni, queste, su cui il Parlamento europeo, evidentemente, si esprimerà presto, ritenendole appunto “urgenti”.

“Un risultato importante – sottolinea ancora Simona Bellini, presidente del Coordinamento famiglie disabili gravi e gravissimi – Curarsi di un proprio familiare gravemente disabile – è una scelta d’amore che DEVE essere sostenuta! Lo Stato italiano, invece, si rifiuta di riconoscere ai Caregiver Familiari anche i diritti umani fondamentali come quello alla salute, al riposo, alla vita sociale!”

Il Family Caregiver è colui che si prende cura in ambito domestico di un familiare non autosufficiente a causa di una severa disabilità, colui che a costo di non avere una vita propria, non intende istituzionalizzare il proprio caro per consentirgli di fare una vita dignitosa tra i propri affetti e nel proprio ambiente.

La petizione mira al riconoscimento dei diritti umani più elementari per i Family Caregiver , “attualmente e irragionevolmente negati, tra i paesi civili, solamente in Italia, quali quello al riposo, alla salute, alla vita sociale, in un contesto di moderna schiavitù sommersa, perpetrata quotidianamente proprio accanto a noi e di cui molti sono all’oscuro, indotta dalla costrizione operata da amministrazioni assenti e sotto la costante minaccia che le persone care possano restare senza alcuna assistenza”.

Sono davvero tantissimi gli italiani che hanno in casa qualche persona con gravi disabilità che rendono necessaria un’assistenza amorevole e continua. Spesso si ritrovano da soli, senza nessun supporto da parte del servizio pubblico e delle istituzioni sanitarie troppe volte assenti.

In molti Paesi europei c’e’ una diversa attenzione verso i ‘family caregiver’ , “in Italia, invece, vivono in uno stato di schiavitù, agli arresti domiciliari e privi di diritti umani fondamentali quali il diritto alla salute, al riposo, alla vita sociale. In pratica ‘non esistono'”.

La petizione al Parlamento europeo non è la prima iniziativa del Coordinamento nazionale famiglie di disabili gravi e gravissimi, che ha un gruppo Facebook con più di 8mila like. In passato si è battuto perché in Italia venisse approvata una legge per il prepensionamento di chi ha familiari con disabilità gravi. Negli ultimi vent’anni la legge è stata presentata più volte in Parlamento.

“Nel 2010 era anche stata approvata alla Camera – racconta Bellini – ma poi è stata bloccata in commissione Bilancio al Senato perché non hanno voluto garantire le coperture con un aumento delle accise sui superalcolici. Nonostante ciò la riforma Fornero ha successivamente aumentato l’età pensionabile anche per noi, senza prevedere alcuna forma di salvaguardia”.

Tra le altre ultime iniziative, in ordine di tempo, anche la richiesta di “Grazia” al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Con una lettera aperta al Capo dello Stato, inviato lo scorso aprile, a pochi giorni dalla giornata di Martedì 7 Aprile, internazionalmente dedicata al “Lavoro Invisibile”: quello delle casalinghe, delle madri di famiglia e dei Caregiver familiari “invisibili tra gli invisibili”, il Coordinamento ha voluto portare all’attenzione della massima carica dello Stato “la condizione in cui vivono alcune migliaia di cittadini italiani in un contesto di gravissima fragilità, totalmente abbandonati dal proprio Paese”, chiedendo di “poter accedere all’istituto della Grazia, che solo il Presidente della Repubblica nel nostro Paese può concedere”.

Relegati in una “condizione di arresti domiciliari pur senza aver commesso alcun reato”, si sono rivolti al Capo dello Stato per chiedere che venga “restituita, ai nostri familiari e a noi stessi, quella libertà che ci è stata sottratta senza alcuna condanna né processo giudiziario”.Per i Caregiver in Europa, denuncia il Coordinamento, persino la Grecia fa di più. In Germania il sistema sanitario-assicurativo dà diritto a chi assiste un familiare disabile a contributi previdenziali garantiti, se dedica all’attività di assistenza più di 14 ore alla settimana, e a una sostituzione domiciliare in caso di malattia.

Forme di assicurazione contro gli infortuni e di previdenza sono concesse anche ai caregiver francesi, che in diversi casi hanno diritto pure a un’indennità giornaliera, e a quelli spagnoli, che in caso di interruzione del proprio lavoro mantengono la base contributiva dell’attività interrotta. Anche in paesi con un’economia più debole della nostra le tutele dei caregiver sono maggiori: in Grecia, per esempio, chi decide di dedicarsi alla cura del proprio caro ha diritto al prepensionamento dopo 25 anni di contributi versati.

tratto da Adnkronos

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.

*