Tagli (pesanti) al sociale: da 311 a 99 milioni. Che ne sarà dei servizi?

Ormai la notizia è più che certa: governo e regioni si sono messi d’accordo che il “sociale” si può sacrificare, a beneficio del bilancio di Stato. L’intesa risale al 23 febbraio scorso e ieri è stata confermata, senza troppo imbarazzo, dal ministro per gli Affari Regionali Enrico Costa, che ha risposto all’interrogazione di Giulia Di Vita, deputata pentastellata. Ecco le parole del ministro, che fa il punto su questi due pesanti tagli: più pesante – molto pesante – quello al Fondo per le politiche sociali, meno eclatante quello alla non autosufficienza.

leggi

tratto da: http://www.pernoiautistici.com